fbpx

In Italia i calcoli renali colpiscono il 7% della popolazione. Essi sono determinati dalla deposizione di cristalli come l’ossalato di calcio all’interno del rene. Una strategia per prevenire la formazione di calcoli renali è idratarsi a sufficienza; ma vanno bene tutte le bevande? Il caffè è da sempre ritenuto una bevanda da evitare considerato l’elevato contenuto di ossalati. In realtà uno studio con 200.000 partecipanti, ha dimostrato che un abituale consumo di caffè diminuiva del 30% il rischio di sviluppare calcoli renali. Ciò si deve alla presenza di composti bioattivi del caffè, all’effetto diuretico della caffeina e al contemporaneo aumento dell’escrezione urinaria di citrato, inibitore dell’ossalato di calcio.

Fonte: Paleerath P. et al., Caffeine in Kidney Stone Disease: Risk or Benefit?, Advances in Nutrition, July 2018,


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.