fbpx

Il carcinoma della vescica è una forma di tumore sempre più diffusa, che in Italia colpisce ogni anno oltre 25.000 persone. Insorge generalmente tra i 55-70 anni mentre i principali fattori di rischio sono il fumo e l’esposizione prolungata a composti chimici industriali. Nonostante questi dati allarmanti, recenti studi epidemiologici hanno dimostrato che un abituale consumo di isotiocianati, molecole largamente presenti nelle crucifere (broccoli, cavolfiori, rucola..) riduca del 40% il rischio di tumore della vescia. Questi composti, una volta ingeriti, giungono alla vescica dove svolgono un ruolo antinfiammatorio e modulatorio su enzimi e geni chiave, per poi essere escreti con l’urina. Considerata l’elevata biodegradabilità degli isotiocianati si consiglia di effettuare cotture brevi e a basse temperature oltre che masticare bene ogni boccone.

Fonte: Abbaoui B. et al., Cruciferous Vegetables, Isothiocyanates, and Bladder Cancer Prevention, Mol Nutr Food Res. 2018


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.